Bambini e arti marziali


Le <arti marziali> sono discipline che aiutano autocontrollo, un ottima cosa soprattutto per i bambini che presentano grosse difficoltà a gestire le proprie pulsioni e l’<aggressività>. Infatti, spesso sono sport, soprattutto il <judo> e il <karate>, indicati proprio per i piccoli che presentano disturbi del comportamento e persino del linguaggio, considerando la stretta connessione tra movimento e capacità espressiva.

Perfette a qualsiasi età, sia per gli uomini che per le donne, a maggior ragione se si tratta di piccoli che risultano essere particolarmente attivi e hanno difficoltà a gestire i loro impulsi e rispettare le regole e soprattutto comprendere e gestire le proprie emozioni.

Le arti marziali sono ottimali per uno sviluppo equilibrato del corpo e non solo della mente. Per la prevenzione di <malattie cardiovascolari> e obesità, per una corretta postura, perfette per la crescita forte e sana di ossa, articolazione e muscoli che diventano più flessibili e forti.  Il bambino non viene sottoposto a stress e soprattutto si diverte oltre a fare e prime vere esperienze di vita.

Le arti marziali aiutano il bambino ad aumentare e consolidare le proprie capacità relazionali, grazie all’abilità di questi sport di accrescere l’interesse del bambino e motivarlo, acquisendo oltre alla tecnica, abilità mentali, autocontrollo, sicurezza in se stessi e nell’altro, migliorano anche il rapporto con i propri genitori e con l’autorità.

Esistono tantissime discipline che vengono classificate come arti marziali in realtà si differenziano molto in quanto possiedono scopi e obbiettivi differenti nonostante partono tutte da un unico presupposto, la conoscenza di se stessi e l’incredibile connessione tra corpo e mente. Oggi le arti marziali sono accessibili anche ai bambini dai 4 anni in poi. Si tratta di discipline assolutamente complete che servono a <controllare la rabbia> e l’aggressività, gestendo emozioni e paure. Non sono sport che istigano alla violenza, piuttosto aiutano il bambino a crescere in maniera più consapevole e a <rispettare regole> e persone.

Insegnano come evitare di far male sia a loro stessi, che a chi gli sta di fronte, come cadere e rialzarsi senza farsi male e utilizzare in modo intelligente le tecniche che vengono acquisite.

Inizialmente i bambini imparano a scoprire il loro corpo giocando. Intanto acquisiscono agilità, equilibrio, <coordinazione motoria>, meno importanza viene data alla forza fisica. I piccoli impareranno a controllare i movimenti fino al raggiungimento di una perfetta armonia.


Commenti